Book Review – Per La Rivoluzione Sociale

Book Review

Per la Rivoluzione Sociale: gli anarchici nella Resistenza a Milano (1943-1945)

515nqyd9B7L._SX320_BO1,204,203,200_

a cura di Amerigo De Agostini

 

Venerdì 13 Maggio presso la Biblioteca Comunale Paolo Volontè di Cormano si è svolta la presentazione del volume Per La Rivoluzione Sociale – Gli anarchici nella Resistenza a Milano (1943-1945) degli storici Mauro De Agostini e Franco Schirone, edito da Zero in Condotta. La presentazione si è tenuta nell’ambito della rassegna culturale Aspettando il 25 Aprile, promossa dall’A.N.P.I di Cormano.

Il libro, frutto di oltre trent’anni di ricerche ricostruisce la partecipazione del movimento libertario nella Resistenza a Milano e in comuni della provincia, avvalendosi di documenti e ricerche in larga parte inedite: come la tesi di laurea di Mauro De Agostini del 1980, che contiene testimonianze dirette di protagonisti del movimento anarchico quali Mario Perelli, Ernesta Sacchi e Alberto Moroni.
Obiettivo di questo lavoro è gettare luce e verità sugli eventi a cui il movimento libertario ha partecipato, perchè la storia non venga deformata dal revisionismo storico. E’ così che per la prima volta vengono pubblicati integralmente il diario di Pietro Bruzzi, e la relazione di Giuseppe Seregni.
Grazie a questi documenti viene ricostruito il contributo anarchico dalle prime opposizioni al nascere del movimento mussoliniano fino alla liberazione.

La Resistenza non è stata solo lotta di “liberazione nazionale” spiegano gli autori, in essa sono confluiti anche elementi di lotta di classe. Soltanto nel clima culturale prodotto dai movimenti del 1968 e del 1977 si è iniziato a studiare la lotta partigiana nei suoi tratti rivoluzionari.
E’ a questo tipo di lotta rivoluzionaria, combattuta in vista di una società migliore, che va ricondotta la battaglia anarchica contro il fascismo.
E’ dunque necessario studiare la resistenza, movimento politico e socioculturale eterogeneo con una visione plurale.
Lo scontro tra fascismo e antifascismo assunse a Milano i connotati della guerriglia sociale aperta, scrive Giorgio Sacchetti nella prefazione; è qui che il racconto di queste vicende si fa imprescindibile.

La lotta anarchica al fascismo inizia dalle repressioni statali e squadriste seguenti alla Marcia su Roma che, per primi colpiscono anarchici e comunisti, culminando nello scioglimento dell’Unione Sindacale Italiana nel 1925. Nel 1926, con le leggi fascistissime, ogni spazio di opposizione legale è poi annientato. La storia anarchica che De Agostini e Schirone ricostruiscono è quella di un movimento che, a Milano, affronta enormi difficoltà. L’attività, svolta in clandestinità riassume nuovo vigore nel 1930 quando la crisi economica riaccende le speranze antifasciste di un crollo imminente del regime. E’ questo un momento di cooperazione tra antifascisti di diverse tendenze costretti a operare nella clandestinità. La polizia, grazie all’uso di spie, riesce a smantellare molte di queste strutture e a molti anarchici non resta che la via del confino. Il movimento anarchico continua faticosamente nel ventennio fascista la sua attività finché nel 1942, dopo i primi insuccessi in guerra, l’opposizione riprende fiato. In questa fase il movimento anarchico è protagonista, raccogliendo aderenti sotto il nome di Fronte Unico dei Lavoratori.
Una nutrita sezione del libro spiega poi il ruolo delle Formazioni “Malatesta-Bruzzi”, emblematico caso di partecipazione anarchica alla Resistenza. Ci sono formazioni a Milano e nel Pavese mentre gruppi e militanti libertari operano a Mombello, Cesano Maderno, Paderno, Cormano e altre località. Tra le azioni raccontate ci sono anche quelle del disarmo di soldati fascisti per procurarsi le armi.
Con la Liberazione gli anarchici rischiano poi di trovarsi isolati al momento dell’insurrezione. La presenza militare alleata e la fine della collaborazione tra i partiti di sinistra fa scemare le aspettative per una rivoluzione a breve termine, le forze dell’estrema sinistra finiscono sempre più emarginate.

Da singoli individui gli autori hanno ricostruito il quadro storico del movimento. Hanno ridato voce ai morti, alcuni di essi illustri sconosciuti, protagonisti assoluti di quegli anni e il cui contributo è andato dimenticato.
De Agostini e Schirone hanno riconsegnato il giusto merito a persone morte combattendo per il loro ideale e il loro paese.
La storia è fatta da ognuno di noi nelle sue scelte quotidiane, che combinate a quelle degli altri costituiscono la storia di un’epoca: ecco che in una fase di regresso come quella in cui ci troviamo e dove le spinte libertarie sembrano non aver lasciato traccia, un libro come questo è un esempio di come il contributo di giovani coraggiosi non possa essere dimenticato.

Mauro De Agostini(Milano, 1955), Docente di Storia nei licei, si occupa di storia del movimento anarchico e dei sindacati. Tra le pubblicazioni: Tolmezzo:una camera del lavoro dell’USI, “Collegamenti Wobbly”, luglio-dicembre 2003 e gennaio-giungo 2005; Il sindacato veneto operai tessili a Pordenone (1921-22), “Storia contemporanea in Friuli”, 2009; ‘Umanità Nova’ quotidiano a Milano febbraio 1920 – marzo 1921. Un tentativo di spoglio, in Cronache anarchiche: Il giornale Umanità Nova nell’Italia del Novecento (1920-1945), Zero in Condotta, 2010; ha collaborato al Dizionario biografico degli anarchici italiani, BFS, 2003-2004.

Franco Schirone(Pulsano, TA, 1950), si occupa di storia del movimento anarchico ed anarco-sindacalista. Per le edizioni Zero in Condotta ha pubblicato con Santo Catanuto Il canto anarchico in Italia nell’Ottocento e nel Novecento e La gioventù anarchica negli anni delle contestazioni.1965-1969. Ha inoltre curato La Resistenza sconosciuta e Cronache anarchiche. Il giornale “Umanità Nova” nell’Italia del Novecento.1920-1945. Altri suoi contributi sono stati pubblicati nei volumi editi dall”Unione Sindacale Italiana in occasione del centenario: in Le figure storiche dell’USI e Almanacco di “Guerra di Classe” 1921-2012. Tra i redattori della Rivista Storica dell’Anarchismo, ha collaborato al Dizionario biografico degli anarchici italiani, BFS, 2003-2004.

Per maggiori informazioni: http://www.zeroincondotta.org/

Foto della presentazione del 13 Maggio 2016 presso la Biblioteca Civica Paolo Volontè di Cormano (MI).

Questo slideshow richiede JavaScript.

05/2016, Cormano (MI)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...